DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Ubriaco uccide finanziere: risarcimento danni omicidio stradale

Il 26 luglio 2018 il Quotidiano del Sud pubblica un articolo sulla richiesta di giudizio immediato per omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza per il 34enne Fernando Gamberale che il 17 ottobre 2017 investì ed uccise il finanziere 46enne Paolo Giuseppe Serrato.

I familiari si sono affidati a Giesse Risarcimento Danni di Catanzaro per ottenere in risarcimento dei danni patiti.

Apri gli articoli in pdf:

Omicidio stradale, a giudizio

L’imputato alla guida di un’auto in stato di ebbrezza: morì un finanziere. Il pm chiede il processo immediato per un 34enne. Udienza dal gip.

Al termine delle indagini il pm Emanuela Costa ha chiesto il giudizio immediato per omicidio stradale e guida in stato di ebrezza per Fernando Gamberale, il 34enne di Lamezia Terme imputato per la morte del 46enne finanziere Paolo Giuseppe Serrato. L’incidente si è verificato il 17 ottobre 2017 sulla strada statale 280, nel comune di Lamezia Terme.

Dalle indagini portate avanti in questi mesi dalla Polizia stradale e coordinate dal pm Costa è emerso che l’imputato, alla guida in stato di ebrezza – con un tasso di 2,02 g/L rilevato nelle analisi eseguite in ospedale – nel percorrere la statale in direzione Catanzaro, a bordo della sua Fiat Punto, si sarebbe improvvisamente spostato verso il centro della carreggiata, oltrepassando la doppia striscia continua e invadendo la corsia con direzione di marcia opposta.

Per Paolo Giuseppe Serrato, che proprio in quegli istanti, recandosi al lavoro, sopraggiungeva in sella al suo Piaggio Beverly, era stato a quel punto inevitabile lo scontro. Nell’impatto il finanziere, di soli 46 anni, aveva riportato gravi traumi e fratture multiple a gambe e braccia ed era stato condotto immediatamente al pronto soccorso di Lamezia Terme dall’ambulanza del 118.

Non aveva mai perso conoscenza ma, data la gravità della situazione clinica, era stato subito trasferito e ricoverato all’ ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro. Lì purtroppo le sue condizioni si erano via via aggravate, fino al tragico epilogo con la morte il 5 novembre scorso.

Da qui la richiesta di giudizio immediato del Pm per i reati di omicidio stradale e guida in stato di ebrezza, in relazione alla quale il Gip Emma Sonni ha fissato l’udienza in camera di consiglio per domani quando l’indagato potrà anche chiedere il rito abbreviato. I familiari della vittima sono assistiti da Giesse Risarcimento Danni di Catanzaro, gruppo specializzato nel risarcimento di incidenti stradali mortali.

Come si ricorda, a gennaio scorso (tre mesi dopo l’incidente) Gamberale finì agli arresti domiciliari al termine delle indagini dalla sezione Polizia stradale di Catanzaro che ricostruì la dinamica dell’incidente che coinvolse tre veicoli. Gamberale – secondo le accuse – per colpa consistita in imprudenza, negligenza, imperizia, nonché inosservanza delle norme sulla circolazione stradale, si sarebbe messo alla guida di un’autovettura Fiat Punto in stato di ebbrezza alcolica.

E in violazione della segnaletica stradale, percorrendo la strada statale 280 con direzione Lamezia Terme aeroporto – Catanzaro, giunto nei pressi della progressiva chilometrica 0+332, non circolando sulla parte destra e in prossimità del margine destro della carreggiata ed oltrepassando la doppia striscia longitudinale continua di mezzeria – secondo le indagini- invadeva la corsia con direzione di marcia opposta, andando a collidere contro un motociclo Piaggio Beverly condotto da Serrato.

Hai subito un incidente d'auto?

Rivolgiti a noi per ottenere un giusto risarcimento.

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

© 2018 G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto (TV)
Camera di Commercio di Treviso N. REA 26958 - Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013

Powered by Studio Cappello | Strategie Di Web Marketing