Cosa fare in caso di incidente

Capire cosa fare in caso di indicente è davvero molto importante perché nella fase “a caldo” subito dopo un sinistro è molto facile rimanere, purtroppo, coinvolti emotivamente.
Per scongiurare il rischio di sbagliare qualcosa ecco dunque una piccola guida su cosa fare in caso di incidente ai fini risarcitori. L’importante, come vedremo, è documentare al meglio quanto accaduto facendo, se possibile, una serie di fotografie:

  • Ai mezzi coinvolti
  • Al luogo in cui è avvenuto l’incidente stradale (panoramica della strada)
  • Eventualmente anche alla segnaletica presente nelle immediate vicinanze.

Se sono presenti dei testimoni che hanno assistito all’incidente, è importante trascrivere anche i loro dati prima che si allontanino dalla zona.
Se c’è anche solo il minimo dubbio circa una possibile contestazione da parte della controparte (non c’è accordo sulla colpa o sull’esatta dinamica che ha portato allo scontro), è assolutamente consigliabile non spostare i veicoli: indossate il giubbetto ad alta visibilità, posizionate il triangolo (si tratta in entrambi i casi di dotazioni di emergenza che ogni veicolo dovrebbe sempre avere a bordo) e richiedete l’intervento delle forze dell’ordine chiamando il 112 o il 113. Sarà compito loro, a questo punto, rilevare i dati dell’incidente per poi redigere un verbale, includendo anche eventuali testimonianze, e ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente stradale, necessaria ai fini risarcitori.

Come compilare la constatazione amichevole di incidente (modulo CAI)

Tra le varie cose da fare dopo un incidente, soltanto qualora ci sia totale accordo, fin da subito, sull’esatta ricostruzione dell’incidente stradale, è possibile, e consigliabile, evitare l’intervento delle forze di polizia e procedere invece autonomamente a compilare la costatazione amichevole, chiamata anche modulo Cai. E’ sufficiente leggere prima attentamente e seguire poi scrupolosamente le indicazioni riportate nell’ultima facciata, facendo la massima attenzione a non tralasciare alcuna informazione utile.

Sarà infatti questo documento a permettere poi l’esatta ricostruzione della dinamica dell’incidente stradale, dunque più chiari e completi saranno i dati trascritti, più semplice e veloce sarà la procedura di risarcimento del danno. E’ molto importante, ad esempio:

  • Scegliere l’esatta dinamica tra quelle previste nel modulo CAI, apponendo la crocetta nello spazio apposito
  • Fare un disegno il più chiaro possibile
  • Indicare con una “x” la localizzazione dei danni riportati dai veicoli nelle sagome disegnate nel modulo di constatazione amichevole.

Dopo l’incidente

A questo punto è necessario presentare denuncia del sinistro alla propria compagnia assicuratrice: in caso di compilazione del modulo di constatazione amichevole, basta consegnare una copia di esso; in caso di intervento delle Forze dell’Ordine, invece, bisogna dare comunque alla propria compagnia assicurativa le informazioni su:

  • Circostanze di tempo
  • Luogo e dinamica del sinistro, informando anche che i rilievi dell’incidente sono stati eseguiti dalle forze dell’ordine.

La denuncia di sinistro può essere presentata personalmente o inviata per raccomandata a.r., fax o mail (se previsto nel contratto di Rca).

Vuoi il massimo risarcimento possibile ? Affidati all’infortunistica stradale Giesse

Mettiamo a disposizione il nostro team di esperti per fornire una consulenza gratuita per ottenere il maggior risarcimento possibile per qualsiasi tipologia di incidente stradale subìto da uno o più danneggiati.

In 26 anni di esperienza in infortunistica stradale sono già più di 50.000 i casi che abbiamo risarcito con successo, la maggior parte dei quali dovuti a incidenti stradali lievi, gravi o incidenti mortali.

Chi si affida a noi di infortunistica stradale Giesse non subisce alcun rischio economico poiché anche le spese legali e medico-legali necessarie per affrontare eventuali cause giudiziarie per far valere i propri diritti, vengono sostenute direttamente da noi e, in caso di mancato risarcimento, restano a nostro carico.

Il compenso viene richiesto solo una volta ottenuto il risarcimento e consiste in una percentuale dello stesso, secondo accordi chiari e sottoscritti sin dal conferimento del mandato. Ciò a tutela, una volta di più, dello stesso danneggiato in quanto Giesse e il proprio cliente perseguono così il medesimo obiettivo: ottenere il massimo risarcimento possibile.

Richiedi subito una consulenza gratuita, segnalaci il tuo caso.

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni