Responsabilità medica: come ottenere il risarcimento

Responsabilità medica: come ottenere il risarcimento

Ogni giorno decine di cittadini ci contattano da tutta Italia per denunciare presunti casi di responsabilità medica. Alcune volte si tratta di racconti molto duri, che evidenziano fin da subito i presupposti per una possibile azione di risarcimento danni.

Cerchiamo di capire insieme, in maniera semplice, quali sono gli aspetti fondamentali che concorrono a definire un caso di responsabilità medica che può dare diritto a un risarcimento.

 

Colpa medica: cos’è?

È il primo presupposto per poter ipotizzare un possibile caso di responsabilità medica e può essere di due tipi:

1. Colpa specifica, quando cioè il sanitario trasgredisce norme derivanti da leggi o regolamenti emanati per disciplinare un determinato ambito di attività sanitaria: è il caso, ad esempio, del medico di un centro trasfusionale che, non rispettando le disposizioni relative alla raccolta, conservazione e somministrazione del sangue umano, provochi a uno o più pazienti un danno.

2. Colpa generica, che comprende casi di:

  • imperizia, ovvero inesperienza o scarsa capacità tecnica, come, ad esempio, quella di un chirurgo che, per scarsa preparazione o abilità, recida un nervo o un tendine o un vaso arterioso nel corso di un intervento di routine
  • negligenza, ovvero scarsa attenzione o leggerezza, come ad esempio quella del medico che non effettui opportuni approfondimenti diagnostici, pur suggeriti dalle condizioni del paziente, oppure quella del chirurgo che lasci uno strumento operatorio o una garza all’interno del paziente;
  • imprudenza, ovvero avventatezza, come ad esempio quella del medico che dimetta un paziente sottovalutando i sintomi che ne avrebbero, invece, consigliato l’osservazione diretta in ospedale

 

Il nesso di causalità nell’ambito della responsabilità medica

Colpa medica: un dottore dopo un errore medicoLa sola colpa medica non è di per sé sufficiente a dimostrare una presunta responsabilità medica; va infatti accertata, come passo successivo, la sussistenza di un legame diretto tra l’errore medico e il danno subìto dal paziente.

Deve cioè emergere quello che, giuridicamente, viene definito il nesso di causa o eziologico, tra errore medico (causa) e danno riportato dal paziente (effetto).

 

In estrema sintesi, tale nesso risulta provato se, a livello probabilistico, è “più probabile che non” che il danno subìto dal paziente si sia verificato in conseguenza all’errore commesso, con colpa medica specifica o generica, dall’operatore sanitario.

Stabilire il nesso di causa, tuttavia, non è semplice né scontato come potrebbe apparire e rappresenta, invece, uno dei punti più delicati di tutto l’iter risarcitorio.

Per questo motivo, ogni presunto caso di responsabilità medica deve necessariamente essere analizzato in modo personalizzato, valutando in maniera molto approfondita ogni comportamento, commissivo od omissivo, attuato dai sanitari coinvolti.

Noi di Giesse offriamo questo servizio gratuitamente: è sufficiente inviarci una segnalazione e i nostri Uffici Tecnici, in collaborazione con un team di medici legali e medici specialisti, analizzeranno quanto accaduto, fornendo un parere cd di fattibilità. Senza costi.

Sei vittima di un caso di responsabilità medica ?

Risarcimento malasanità: quando è possibile richiedere il risarcimento danni per errore medico?

Accertata l’eventuale sussistenza dapprima della colpa medica e poi anche del nesso di causa tra errore e danno riportato, viene redatta una perizia medico–legale nella quale si evidenziano tutti gli aspetti, di natura medico specialistica, medico legale e giuridica, che comprovano la responsabilità medica.

A questo punto si procede quantificando l’entità del danno subìto.

Non è mai semplice tradurre in denaro i pregiudizi che vengono arrecati a beni che non hanno un valore di mercato, come l’integrità del corpo (cd danno biologico), o addirittura impalpabili, come l’integrità morale, i sentimenti che proviamo, il dolore e la sofferenza che patiamo (cd danno morale).

In tale arduo compito ci vengono in aiuto le tabelle predisposte, negli anni, dai tribunali o, nei casi di lesioni lievi, direttamente dallo Stato. Altri criteri e coefficienti sono invece utili per valutare i danni cd patrimoniali, relativi cioè alle perdite economiche subite dal danneggiato (sia come spese effettuate, sia come reddito perso o diminuito).

Una valutazione complessiva, approfondita e personalizzata di tutti questi elementi, permette di addivenire alla quantificazione finale dei danni patiti. A questo punto, viene avanzata la richiesta di risarcimento danni per errore medico vera e propria che, statisticamente, nella maggior parte dei casi, si risolve in via stragiudiziale direttamente con la struttura sanitaria coinvolta (negli altri casi, sarà necessario proseguire con un contenzioso in sede civile).

Parallelamente, il personale sanitario potrebbe essere coinvolto anche in un procedimento penale che può iniziare d’ufficio o a seguito di presentazione di querela, a seconda della gravità delle conseguenze provocate dal presunto errore medico (ad esempio, nei casi di omicidio colposo, il procedimento penale parte d’ufficio).

Grazie ai nostri avvocati fiduciari, noi di Giesse possiamo garantire, in caso di errore medico accertato, la migliore tutela sia in ambito civile che penale.

Segnalaci il tuo caso, il nostro parere di fattibilità non prevede costi

Desideri salvare questo articolo in pdf ?
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso