Strage di Belpasso: slitta la prima udienza

Strage di Belpasso: slitta la prima udienza

Giesse Risarcimento Danni segue risarcimento per incidente stradale mortale a Catania. 

La notizia del rinvio del processo che intende far luce sull’incidente mortale a Catania, noto anche come “strage di Belpasso” perché persero la vita quattro ragazzi, viene riportata sul quotidiano “La Sicilia“.

Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in risarcimento a seguito di incidenti stradali, assiste i familiari di una delle vittime. La prima udienza, tuttavia, è stata rinviata perché l’imputato si è traferito all’estero all’insaputa dell’autorità giudiziaria.

Si attendono quindi gli sviluppi del processo per l’incidente mortale a Catania.

Omicidio stradale di quattro adraniti: l’imputato è all’estero, rinviato il processo

Era fissata per ieri la prima udienza del processo che vede imputato un quarantenne adranita, accusato di omicidio stradale. L’uomo la notte del 13 ottobre 2019, era alla guida della sua Seat Leon; con lui quattro ragazzi di Adrano.

Avevano trascorso una notte in discoteca e insieme stavano tornando a casa, quando l’auto, lanciata a folle corsa sulla Statale 121, la Catania-Paternò (pare avesse raggiunto i 202 km/h), all’altezza della rampa della zona industriale di Piano Tavola, in territorio di Belpasso, si è schiantato contro il pilone laterale dell’infrastruttura.

L’auto si è disintegrata, immediata la morte dei quattro ragazzi: il 17enne, Manuel Petronio; la 15enne, Erika Germanà Bozza; il 20enne Salvatore Moschitta; la 28enne Giuseppa Diolosà Farinato; solo il conducente si è salvato.

Il processo doveva cominciare ieri, ma è stato rinviato di 4 mesi per un problema di notifiche, perché l’imputato, pare anche all’insaputa dell’autorità giudiziaria si è trasferito all’estero. I familiari di una delle vittime, Manuel Petronio (assistiti dall’avvocato Michele Liuzzo e dalla Giesse risarcimento danni), hanno visto ricostruire i momenti che hanno cambiato per sempre le loro vite e lasciato nel dolore le altre famiglie.

Secondo una ricostruzione, l’auto urtò due volte contro il guardrail e andò  poi a sbattere sul parapetto che divide la carreggiata dalla rampa: l’impatto fu così forte da spezzare in due la Seat Leon, con la parte posteriore che addirittura fu sbalzata oltre le barriere laterali terminando sui binari della ferrovia. Inutili i soccorsi.

Articolo de “La Sicilia

Leggi la notizia anche qui: 

CataniaNews

Articoli pubblicati nei quotidiani:
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON 27 ANNI DI ESPERIENZA

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

OLTRE 30 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso