DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Risarcimento danni incidente in vacanza: muore bimbo

Risarcimento danni incidente in vacanza: muore bimbo

 

Il 15 aprile 2019 il quotidiano Il Gazzettino di Treviso ha pubblicato un articolo sul risarcimento ottenuto dai familiari del piccolo Edoardo Antoniazzi, morto in vacanza sull’isola di Dominica in seguito al ribaltarsi del pulmino sul quale viaggiava assieme ai genitori a causa della rottura dei freni.

Giesse Risarcimento Danni ha assistito i familiari del piccolo durante il complesso iter burocratico.

Apri gli articoli in pdf:

Morto in un incidente a 16 mesi: risarcimento dopo 3 anni

MORIAGO. A 3 anni dalla tragedia arriva il risarcimento per la morte del piccolo Edoardo Antoniazzi. Aveva 16 mesi, il 28 gennaio 2016, quando sull’isola di Dominica il pulmino sul quale viaggiava con mamma e papà, ruppe i freni e si rovesciò. Dalle lamiere accartocciate uscirono tutti illesi, mentre per il bimbo, schiacciato, non ci fu speranza: morì sul colpo.

Un anno dopo, nello stesso giorno, mamma Alice Zanette e papà Loris, di Moriago, hanno avuto Ludovica. Un simbolo di rinascita anche perché il viso assomiglia a quello del fratellino che non c’è più. Da quel giorno per mamma e papà è iniziata una nuova vita, con più voglia di andare avanti, sempre con il ricordo di Edoardo nel cuore. E in questi giorni a casa Antoniazzi, dopo una lunga battaglia, è arrivata un po’ di giustizia anche se il dolore per la morte del figlioletto non può avere un prezzo né mai potrà rimarginarsi.

LA TRAGEDIA. Il piccolo Edoardo era al primo viaggio con i genitori quando venne coinvolto nell’incidente mortale. La famigliola di Moriago, in crociera nei Caraibi, era scesa dalla nave Msc per un’escursione alle Trafalgar Falls, una riserva naturale dell’isola di Dominica. Su quel pulmino maledetto con Edoardo e i genitori c’erano altri turisti italiani e brasiliani. Tutto andò bene fino a quando il mezzo, lungo una discesa, si ritrovò senza freni, trasformandosi in un proiettile che, dopo una curva, fini fuoristrada rovesciandosi.

Solo qualche escoriazione per tutti, autista compreso, mentre non ci fu scampo per Edoardo. Dopo lo choc, il dolore e la rabbia mamma e papà si sono rivolti alla “Giesse Risarcimento Danni”, con sedi a Belluno, Conegliano e Castelfranco, per ottenere giustizia, dalla giustizia caraibica. “Oltre alla tragedia personale – hanno detto i familiari di Edoardo – ​ ci siamo trovati di fronte a molti ostacoli nell’accertamento dei fatti e delle verità. Solo grazie a dei professionisti abbiamo avuto giustizia”.

CORSA A OSTACOLI. La pazienza la voglia di far luce sul incidente, dopo 3 anni di battaglie, hanno permesso di ottenere un risarcimento di danni e delle spese che la famiglia Antoniazzi ha dovuto sostenere per riportare in Italia la salma del figlioletto, ma anche per le cure mediche alle quali dovettero sottoporsi mamma Alice e papà Loris.

“Siamo soddisfatti – ha detto Mersia Lucchese di Giesse – che si sia giunti al risarcimento per la famiglia, pur essendo lo stesso contenuto rispetto ai valori che vengono normalmente liquidati in italia”.

A casa Antoniazzi che voglia di guardare avanti, senza però dimenticare: “la sorellina di Edoardo, Ludovica – attacca papà Loris – è nata il 28 gennaio, lo stesso giorno dell’incidente, sebbene la data prevista fosse il 3 febbraio. Abbiamo preso questo segno del destino come un invito a ricominciare, sapendo che Edoardo resterà sempre con noi e che, se anche impossibile dimenticare, si può sempre ripartire”.

Leggi l’articolo sui siti Treviso TodayIl Gazzettino di Treviso

Un tuo familiare ha subìto un incidente?

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA