Investì una donna a Pordenone: militare Usa patteggia

Investì una donna a Pordenone: militare Usa patteggia

Giesse Risarcimento Danni segue risarcimento per incidente stradale a Pordenone. 

La notizia del patteggiamento a 11 mesi di reclusione, ottenuto dal militare Usa che investì e uccise una donna a Pordenone, viene riportata sui quotidiani “Il Messaggero Veneto” e “Il Gazzettino“.

Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in risarcimento a seguito di incidenti stradali, assiste i familiari della vittima.

Travolse e uccise una donna. Undici mesi a un militare Usa.

Undici mesi di reclusione con pena sospesa. Questa l’entità della pena patteggiata da Matt Jerome IV Batchelor, militare americano di 26 anni di stanza ad Aviano, nel procedimento a suo carico per omicidio stradale in seguito all’incidente mortale in cui perse la vita Silvia Portuesi, 52 anni, residente a Vajont.

I familiari della vittima, assistiti da Giesse risarcimento danni, hanno visto ricostruita durante l’udienza preliminare, tenutasi ieri nel tribunale di Pordenone, la dinamica di quella drammatica mattina.

Era la mattina del 13 luglio 2020 e Silvia Portuesi si era recata al lavoro a Vallenoncello con i mezzi pubblici, in quello che doveva essere uno dei pochi giorni in presenza previsti dall’azienda nel post-lockdown.

Ma non era quello il giorno in cui avrebbe dovuto lavorare: un errore nella lettura degli orari l’aveva costretta a tornare subito indietro, senza però avere a disposizione nell’immediato una corsa della corriera che la riportasse a casa.

Decise quindi di prendere l’autobus fino a Montereale e da lì proseguire a piedi. Mentre percorreva la banchina pedonale dell’ex provinciale 19, in territorio maniaghese, fu travolta da un pick-up guidato da un giovane che viaggiava in direzione della città del coltello e perse il controllo del mezzo. Nonostante gli immediati soccorsi, Silvia Portuesi morì sul colpo.

“Oggi la giustizia ha emesso il proprio verdetto – commentano Luca Infanti e Debora Rallo della sede Giesse di Pordenone – Come detto anche dalla famiglia Portuesi, per una distrazione l’incidente ha portato via una sorella, una figlia, una mamma. Non possiamo pensare che l’accaduto non abbia cambiato anche la vita del suo investitore”.

“Noi familiari – hanno detto i congiunti di Silvia – non vogliamo accusare o rivendicare nulla, ma semplicemente invitare tutti ad avere la massima prudenza quando si è alla guida di un mezzo, perché tutto può accadere in un attimo. Il dolore provato, invece, lascia un segno indelebile nei nostri cuori. Siete prudenti”.

L’investitore ha a sua volta scritto un messaggio di scuse alla famiglia.

Articolo de “Messaggero Veneto

Morì investita, 11 mesi al guidatore

Camminava lungo la sp 19 quando fu travolta dal pick-up condotto da Jerome Mark IV Batchelor, militare americano di 26 anni che ieri ha patteggiato 11 mesi per omicidio stradale (pena sospesa).

La vittima era Silvia Portuesi, 52enne di Vajont che il 13 luglio scorso stava andando al lavoro a Vallenoncello in corriera.

Era uno dei pochi giorni in presenza previsti nel post-lockdown. Ma aveva sbagliato giorno, così scese a Montereale e tornò indietro a piedi. Fu improvvisamente travolta dal pick-up.

I familiari della vittima, assistiti da Giesse Risarcimento Danni, attraverso Luca Infanti e Debora Rallo ricordano che “bastano pochi attimi, un colpo di sonno, una piccola distrazione, la fretta.

Poi una telefonata dei Carabinieri e ti ritrovi di fronte qualcosa che non riesci prima a capire e poi ad accettare: la morte di un tuo caro”.

Il giovane ha inviato una lettera di scuse alla famiglia.

Articolo de “Il Gazzettino

Leggi la notizia anche qui:

Il Friuli

Telefriuli

Giornale Nord Est

Articoli pubblicati nei quotidiani:
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON 27 ANNI DI ESPERIENZA

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

OLTRE 30 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso