Incidente stradale a Trento: condannata l’assicurazione

Incidente stradale a Trento: condannata l’assicurazione

Giesse Risarcimento Danni ottiene l’indennizzo per incidente stradale a Trento 

La notizia della condanna di un’assicurazione, al pagamento di un’indennizzo per un incidente stradale a Trento, è stata riportata sul quotidiano Corriere del Trentino.

Giesse Risarcimento Danni – gruppo specializzato in incidenti stradali – ha assistito il 46enne trentino che si era infortunato nel sinistro del 2016.

Dopo la sentenza del Tribunale di Rovereto, che aveva accolto la tesi dell’assicurazione, la Corte d’Appello di Trento ha invece dato ragione all’uomo che tramite Giesse Risarcimento Danni è riuscito a ottenere l’indennizzo che gli spettava. 

Esce di strada con la moto, risarcito con 100mila euro dopo sei anni di battaglie

Ha vinto la sua battaglia legale dopo sei anni un trentino di 46 anni vittima di un brutto incidente stradale. L’assicurazione aveva negato il risarcimento ma ora dovrà pagare 100mila euro. Così ha deciso la Corte d’appello di Trento che ha condannato la Groupama assicurazione spa.

Ma riavvolgiamo il nastro della storia e torniamo a quel drammatico giorno, era mezzanotte, il primo settembre 2016, quando l’uomo, di Comano Terme, che stava viaggiando lungo la statale Gardesana, aveva perso il controllo del mezzo e si era schiantato prima contro il guardrail poi contro la parete rocciosa.

Nell’impatto il quarantenne aveva riportato gravi lesioni su tutto il corpo, ferite molto serie che, come certificato dalla perizia medico legale, gli hanno causato un’invalidità del 38-40%. L’uomo, che aveva stipulato una polizza infortuni, dopo mesi di ospedale, quando si è ripreso ha chiesto all’assicurazione l’indennizzo previsto.

Ma a quanto pare gli è stato negato. Il motivo? Secondo l’assicurazione nella sottoscrizione della polizza si era dimenticato di un infortunio subito nel 2011 a un dito della mano che gli aveva procurato un’invalidità del 3%. Ma il quarantaseienne non si è arreso e ha citato in giudizio la compagnia assicurativa davanti al tribunale di Rovereto.

A ottobre 2019, però, il giudice ha negato il risarcimento all’uomo ritenendo che «non avesse dichiarato circostanze fondamentali ai fini della conclusione del contratto, ossia l’infortunio del 2011». Secondo il Tribunale L’uomo aveva «consapevolmente ommesso di rendere quell’informazione».

Il giudice ha parlato di colpa grave, se l’uomo avesse parlato della lesione al dito la compagnia avrebbe potuto rifiutarsi di stipulare il contratto. Ma l’uomo non si è arreso e ha fatto ricorso in appello. E la Corte gli ha dato ragione in quanto «il questionario che accompagnava la polizza infortuni era manifestamente generico».

Una sentenza importante, sottolinea Maurizio Cibien, responsabile della sede di Giesse Risarcimento Danni, «la perizia ha stabilito una funzionalità pressoché completa del pollice sinistro e ha aggiunto che il questionario della compagnia faceva riferimento, in modo confuso, a più disparati eventi».

Articolo del “Corriere del Trentino

Articoli pubblicati nei quotidiani:
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON 27 ANNI DI ESPERIENZA

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

OLTRE 30 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso