DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Muore ciclista 18 enne travolto da un camion: risarcimento danni

Il 3 luglio 2018 il Giornale di Monza pubblica un articolo sulla nuova passerella ciclopedonale di Monza intitolata a Simone della Vella, il 18 enne travolto e ucciso da un camion nel 2012 proprio in quel punto dove ora c’è la rampa.

I familiari si sono affidati a Giesse Risarcimento Danni di Monza per ottenere il risarcimento dei danni patiti.

Apri gli articoli in pdf:

Fu travolto da un camion: il ponte dedicato al 18enne

La passerella ciclo pedonale è stata intitolata a Simone Della Vella, morto nel 2012

Una connessione tra il passato e il futuro, un vero e proprio ponte per collegare, anche e non solo in modo simbolico, le istituzioni e i cittadini. La passerella ciclopedonale tra Monza e Brugherio, per volere delle Amministrazioni comunali non sarà mai inaugurata con una cerimonia. Perché legata all’opera – sofferta e realizzata sforando il tetto dei 680 mila euro, oltre ai tempi più lunghi di quelli previsti – c’è il ricordo di una tragedia, quella vissuta dai famigliari del 18enne brugherese Simone Della Vella, morto nel 2012 proprio in quel punto dove ora c’è la rampa.

Un gesto, però, le Giunte brugheresi e monzesi l’hanno voluto con forza: l’intitolazione del sovrappasso a quel giovane sfortunato. Sabato mattina, infatti, i primi cittadini Marco Troiano e Dario Allevi, insieme agli assessori Simone Villa e Pierfranco Maffè, hanno svelato la targa in memoria di Della Vella. Un momento toccante, che è stato l’occasione per rivivere quel drammatico giorno, ma anche per smorzare le polemiche che da sempre, su quell’opera pubblica aleggiano.

«Simone era uscito per andare a consegnare un curriculum – ha raccontato Francesco Della Vella, il padre – Quella di mio figlio è la storia di tanti giovani volenterosi. Un 18enne che aveva un futuro davanti, una storia da scrivere, dei sogni. Sogni spezzati quella triste mattina, quando un camion l’ha investito». Quel dramma di sei anni fa, fu anche il “motore” per una importante mobilitazione popolare.

Risale proprio a quegli anni, infatti, il grande impegno del comitato di Sant’Albino, che non mancò di “bloccare” il vialone pur di ribadire l’importanza di modificare la viabilità e la connessione tra Monza e il quartiere “al di là” del canale. L’iniziativa non passò inosservata: l’allora Amministrazione monzese prese in considerazione l’idea di realizzare il ponte. Ma per la consegna alla cittadinanza si è dovuto attendere fino a quest’anno.

“É stata una genesi difficile – ha spiegato il vicesindaco di Monza, Simone Villa – Abbiamo fatto fronte a problemi e mancanze, ci siamo inventati risorse per completarla e necessiterà di attenzioni e manutenzioni. Se solo la scorsa Giunta avesse ascoltato i suggerimenti della Consulta di quartiere, questa passerella avrebbe meno problemi. Come la staccionata che corre lungo il sovrappasso: sarà necessario mettere una paratia”.

Ai piedi della passerella è stato creato un angolo per la targa dedicata al 18enne. A impreziosirla, fiori e piante, che in futuro verranno irrigate attraverso un impianto ancora da installare. E se da un lato i famigliari si dicono soddisfatti per la parola mantenuta dall’Amministrazione comunale per l’intitolazione dell’opera pubblica, dall’altro lato, per quanto riguarda gli aspetti giudiziari della vicenda che ha colpito la famiglia, c’è ancora un po’ di amarezza.

A sei anni dall’incidente, infatti, e dopo la condanna del 2014 per negligenza, imprudenza e imperizia, riconosciuta dal giudice Elena Sechi del Tribunale di Monza, e la sentenza confermata lo scorso 17 maggio dalla Corte d’Appello di Milano, non si può ancora mettere la parola “fine” alla tragedia che ha colpito la famiglia. “Siamo soddisfatti che la sentenza di primo grado sia stata confermata anche dalla Corte d’Appello- ha sottolineato Fernando Rosa, responsabile della sede Giesse di Monza al quale si sono affidati i familiari di Simone – attendiamo ora il termine dei 45 giorni per il deposito della motivazione da parte della Corte”.

Sei vittima di un incidente stradale e non sai a chi rivolgerti?

Contattaci per una consulenza gratuita

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

© 2018 G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto (TV)
Camera di Commercio di Treviso N. REA 26958 - Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013

Powered by Studio Cappello | Strategie Di Web Marketing