Incidente mortale a Teramo: imputato fugge in Brasile

Incidente mortale a Teramo: imputato fugge in Brasile

Giesse Risarcimento Danni segue risarcimento per incidente stradale mortale a Teramo. 

La notizia della fuga in Brasile dell’uomo che nel 2017 provocò l’incidente mortale a Teramo, investendo con l’auto un ciclista a bordo strada, viene riportata sul quotidiano “Il Centro“.

Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in risarcimento a seguito di incidenti stradali, assiste la sorella della vittima che a nome dei familiari ha rivolto un appello al Governo affinché l’uomo venga riportato in Italia per affrontare il processo riguardo all’incidente mortaleTeramo.

Fuggito in Brasile, il processo non parte

L’unico imputato è fuggito in Brasile. per questo il processo non può ancora partire, a tre anni e mezzo da quel terribile incidente a Villa Rosa di Martinsicuro in cui perse la vita a 60 anni Carino Strozzieri, detto Tonino, residente in città ma originario di Controguerra.

L’imputato, un brasiliano di 39 anni, alle 6 del mattino del 2 settembre 2017 era alla guida della Bmw che, gareggiando a folle velocità lungo via Roma con un’Alfa 159 il cui conducente non è stato mai identificato, ha urtato violentemente il ciclista, scaraventandolo a 35 metri di distanza, uccidendolo.

Le due auto non si fermarono per prestare soccorso alla vittima. L’imputato sarebbe anche implicato nel furto successivo a casa di Strozzieri. L’auto dell’impatto, fortemente danneggiata, fu nascosta.

Le indagini, condotte dal pm Greta Aloisi, coinvolsero i carabinieri di Alba Adriatica, i Ris di Roma e la questura di Prato. Nonostante l’ordine di custodia cautelare, però, secondo quanto ricostruito, il brasiliano riuscì a fuggire prima in Toscana.

Poi, dopo aver toccato anche Roma e Napoli, a una settimana dall’incidente riuscì a prendere un aereo per il suo paese d’origine, facendo così perdere totalmente le proprie tracce.

Il gup Marco Procaccini ha disposto un rinvio lungo, di oltre un anno, per consentire di perfezionare la notifica dell’udienza preliminare a suo carico. Non è bastato. Il processo sarebbe dovuto partire ieri mattina. Il timore è che l’imputato per il reato di omicidio stradale non si farà mai più vedere.

«Chiediamo giustizia per una morte tanto assurda, non potremo mai accettare che chi ci ha portato via il nostro amato Carino, in un modo tanto tragico, possa ora anche passarla liscia grazie al fatto che è fuggito all’estero» commenta con amarezza la sorella della vittima, Domenica Strozzieri, a nome dei familiari di Carino, che si sono rivolti alla società Giesse per avanzare anche richiesta di risarcimento danni.

Continua la sorella della vittima: «Lanciamo un appello alle autorità e anche al Governo: quest’uomo deve pagare per quello che ha commesso, non sarebbe dovuto poter fuggire all’estero. Chiediamo che venga estradato e riportato qui in Italia a scontare l’intera pena a cui verrà condannato».

Articolo de “Il Centro

Leggi la notizia anche qui: 

Abruzzo.CityRumors

Articoli pubblicati nei quotidiani:
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON 27 ANNI DI ESPERIENZA

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

OLTRE 30 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso