Incidente mortale a Monza: due anni per concorso in omicidio stradale

Incidente mortale a Monza: due anni per concorso in omicidio stradale

Giesse Risarcimento Danni segue il risarcimento per incidente stradale mortale a Monza

La notizia della condanna a due anni di reclusione dell’automobilista che causò l’incidente stradale mortale a Monza, in cui perse la vita il 60enne Antonio Seria, è stata riportata sul quotidiano Il Giorno.

Giesse Risarcimento Danni – gruppo specializzato in risarcimento a seguito di incidenti stradali mortali con sede anche a Monza – ha seguito il processo penale e ha già aiutato la famiglia ad ottenere un risarcimento congruo alla grave perdita subita a seguito dell’incidente mortale

Condannato per avergli sbarrato la strada

Uomo ucciso da un automobilista ubriaco: due anni al ventenne che lo aveva fatto fermare dopo essere stato urtato durante un sorpasso

Aveva sbarrato la strada con la sua auto a quella di un 60enne in via Adda, dopo un inseguimento stradale per un lieve contatto durante un sorpasso iniziato in viale Sicilia, inducendolo a scendere dalla sua vettura per un chiarimento, che però non ci fu mai perché il 60enne venne investito e ucciso da un altro automobilista risultato ubriaco.

Per questa vicenda, accaduta la notte del 5 ottobre 2019 e costata la vita ad Antonio Seria, residente a Caponago, un 20enne di Brugherio, G.S., si è ritrovato imputato di concorso in omicidio stradale ed è stato condannato dal Tribunale di Monza a 2 anni di reclusione e alla sospensione della patente di guida per lo stesso periodo e in più la giudice Letizia Anna Brambilla gli ha revocato anche la sospensione condizionale della pena per un patteggiamento a 1 anno e 6 mesi ottenuta nel 2015 per incendio colposo.

In udienza preliminare il 30enne di Concorezzo che ha falciato la vittima ha patteggiato la pena di 4 anni di reclusione per omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza.

I familiari del 60enne hanno già ottenuto un risarcimento dei danni rivolgendosi al Gruppo Giesse, gruppo specializzato in questo settore con sede anche a Monza. Ma il 20enne, difeso dall’avvocato Franco Balconi, negava il concorso nel reato sostenendo che non vi era un nesso di causa tra il comportamento dell’imputato e l’investimento mortale e che dopo il fatto il 20enne aveva messo in atto tutti gli accorgimenti previsti dal codice della strada in caso di incidente.

«L’imputato, che voleva soltanto indurre l’altro automobilista a fermarsi per la constatazione amichevole, è accusato di avere intralciato la carreggiata e di non avere segnalato le vetture ferme causando l’omicidio stradale – ha dichiarato il legale nella sua arringa difensiva al processo – Ma nel corso dell’istruttoria è emerso che non c’è nesso causale perché l’eventuale condotta illecita non ha determinato l’investimento mortale. Inoltre il carabiniere che ha testimoniato ha detto che il triangolo era stato posizionato e lo ha confermato anche il passeggero dell’auto condotta dall’imputato, che indossava anche il giubbetto catarifrangente e aveva azionato la modalità torcia del suo telefonino per segnalare l’incidente e il corpo a terra fino all’arrivo dei soccorsi e delle forze dell’ordine».

L’avvocato ha poi ritenuto «irrilevante la posizione del veicolo dell’imputato perché l’investitore guidava sotto l’effetto dell’alcol e quindi non sarebbe stato comunque nelle condizioni di vedere la vittima sulla strada». Una tesi che non ha convinto la giudice.

leri al processo il 20enne si è presentato ma non ha voluto sottoporsi all’interrogatorio. Davanti alla giudice aveva testimoniato il suo amico che viaggiava quella notte come passeggero sulla sua auto. «lo e G. eravamo in auto tranquilli quando la vittima in fase di sorpasso ha preso dentro l’auto di G., che gli ha fatto gli abbaglianti per farlo fermare, ma lui invece ha girato a destra, si è fermato, è sceso dall’auto, ma poi è risalito e ha fatto retromarcia per andarsene. Allora G. l’ha bloccato e siamo scesi, ma subito è sopraggiunta l’auto che l’ha travolto».

Articolo de “Il Giorno

Articoli pubblicati nei quotidiani:
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON 27 ANNI DI ESPERIENZA

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

OLTRE 30 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso