Caso di malasanità a Roma: otto medici a giudizio

Caso di malasanità a Roma: otto medici a giudizio

Giesse Risarcimento Danni segue risarcimento per caso di malasanità a Roma. 

La notizia del rinvio a giudizio di otto medici, per un caso di malasanità a Roma, viene riportata sui quotidiani “Corriere di Viterbo” e “Il Tempo“.

Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in risarcimento a seguito di casi di malasanità, assiste i familiari della vittima. Il giudice ha accolto la richiesta del pm e rinviato a giudizio i medici di Roma.

Morì per infezione, 8 medici a giudizio

Complicazioni sopraggiunte dopo un intervento chirurgico. L’accusa della Procura: «Condotte negligenti».

Morì per un’infezione, otto medici finiscono a processo. I camici bianchi della casa di cura Villa Pia di Roma sono stati rinviati a giudizio dal gup Francesca Ciranna per la morte di Elena Lucà, 75 anni, avvenuta l’11 aprile del 2018.

La vittima, residente a Roma, aveva legami in Sabina in particolare a Magliano dove abitano alcuni parenti molto conosciuti per il loro impegno nello sport e nel sociale.

I familiari della vittima sono assistiti in questa fase da Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in danni derivanti da responsabilità medica con sedi in tutta Italia ed in particolare sono stati seguiti da Paolo Ciceroni responsabile della sede di Roma.

La donna giunse al pronto soccorso dell’ospedale San Camillo Forlanini con febbricola, mancanza di appetito e spossatezza in generale. Da qui, stante l’assenza di posti letto disponibili per il ricovero, veniva traferita alla Casa di Cura Villa Pia per gli accertamenti del caso.

«Il 29 gennaio, i medici scoprivano che sulla paziente era in attuo un importante fenomeno infettivo. Il primo esame colturale disponibile agli atti, per comprendere la tipologia di batterio che aveva colpito la donna, risaliva però solo al 12 febbraio e alla signora Elena continuava a venire somministrata la stessa terapia antibiotica che già era risultata inefficace nei giorni precedenti.

Il 21 febbraio la paziente veniva sottoposta ad un intervento chirurgico, a seguito del quale, però, inspiegabilmente non venivano eseguite le opportune analisi microbiologiche per comprendere quale fosse la terapia antibiotica corretta e, malgrado la situazione non migliorasse, continuavano a somministrare una terapia antibiotica non utile, senza procedere con un nuovo intervento chirurgico né ad esami più approfonditi.

Quando il 10 aprile la paziente veniva trasferita all’Ospedale San Camillo, per un’insufficienza respiratoria acuta dettata dal diffondersi dell’infezione, era ormai troppo tardi», ricostruisce il team di legali che ha seguito il caso.

Il dottor Fabio De Giorgio, medico legale, e il dottor Innocenzo Bertoldi, specialista in chirurgia d”urgenza e pronto soccorso, i due consulenti nominati dal Pm, confermano, nella loro perizia, che, una volta scoperto che sulla paziente era in atto un ascesso nella parte destra dell’inguine, la condotta del personale della Casa di Cura Villa Pia sia stata superficiale e «almeno imperita ed imprudente».

Il decesso «sarebbe stato evitabile a fronte di tempestivi trattamenti chirurgici e di terapia antibiotica/antimicotica», concludono a chiare lettere i due consulenti. Andrea, il figlio di Elena, pochi giorni dopo la morte della mamma, ha sporto denuncia nei confronti del personale medico della struttura Casa di Cura Villa Pia allegando tutta la documentazione relativa alla vicenda.

«Non è ammissibile leggere tra le conclusioni della consulenza tecnica che la scomparsa di Elena Lucà si sarebbe potuta evitare semplicemente applicando le adeguate condotte suggerite dalle linee guida molto chiare sul punto – commenta Paolo Ciceroni – I familiari vogliono ora capire cos’è successo durante la sua degenza nella clinica Villa Pia e perché il personale medico non abbia agito tempestivamente. Oggi Elena potrebbe essere ancora viva». La prossima udienza sarà nel giugno 2022.

Articolo del “Corriere di Viterbo

Muore per infezione, otto a giudizio

Per i medici di Villa Pia udienza a giugno. I periti del pm: decesso evitabile con adeguati trattamenti

Morta a 75 anni per un’infezione, otto medici di Villa Pia a processo. Ieri mattina sono state rinviate a giudizio otto persone tra il personale medico della Casa di Cura Villa Pia per il decesso della 75enne Elena Lucà, avvenuto l’11 aprile 2018. Andre, il figlio di Elena, pochi giorni dopo la morte ha sporto denuncia.

L’udienza preliminare si è celebrata avanti al gup del tribunale di Roma, Francesca Ciranna. Dovranno ora affrontare il processo e rispondere di concorso per omicidio colposo. I familiari della vittima sono assistiti in questa fase da Giesse Risarcimento Danni, che racconta la storia.

Era il 25 gennaio 2018 quando Elena Lucà giungeva al Pronto Soccorso dell’ospedale San Camillo Forlanini per febbricola, mancanza di appetito e spossatezza in generale.

Da qui, stante l’assenza di posti letto disponibili per il ricovero, veniva trasferita alla Casa di Cura Villa Pia per gli accertamenti del caso. Il 29 gennaio, i medici scoprivano che sulla paziente era in atto un importante fenomeno infettivo.

Il primo esame colturale disponibile agli atti, per comprendere la tipologia di batterio che aveva colpito la donna, risaliva però solo al 12 febbraio e alla signora Elena continuava a venire somministrata, stando all’accusa, la stessa terapia antibiotica che già era risultata inefficace.

Il 21 febbraio un intervento chirurgico. Quando il 10 aprile la paziente veniva trasferita all’ospedale San Camillo, per un’insufficienza respiratoria acuta dettata dal diffondersi dell’infezione, era ormai troppo tardi. Elena moriva il giorno successivo.

I due consulenti nominati dal pm, i medici Fabio De Giorgio e Innocenzo Bertoldi, confermano nella perizia che, una volta scoperto che sulla paziente era in atto un ascesso nella parte destra dell’inguine, il decesso «sarebbe stato evitabile a fronte di tempestivi trattamenti chirurgici e di terapia antibiotica/antimicotica».

Prossima udienza a giugno 2022.

Articolo uscito ne “Il Tempo

Leggi la notizia anche qui:

l’Italiano

la Repubblica

Articoli pubblicati nei quotidiani:
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON 27 ANNI DI ESPERIENZA

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

OLTRE 30 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

Segnalaci il tuo caso

Segnalaci il tuo caso

  • Per poter elaborare la richiesta è necessario spuntare entrambe le caselle Privacy e Dati sensibili

DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Segnalaci il tuo caso