DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Camion esce di strada, risarcimento dal Comune

Camion esce di strada risarcimento dal Comune di Varna

Il 24 novembre 2018 il quotidiano Alto Adige ha pubblicato un articolo sulla condanna del Comune di Varna a risarcire la ditta Pernthaler Hubert & Figli Srl di Bressanone perché ritenuto responsabile dell’uscita di strada del camion condotto da Stefan Pernthaler, avvenuta il 12 giugno 2012.

La ditta si è affidata per il risarcimento dei danni subiti a Giesse Risarcimento Danni di Bolzano.

Apri gli articoli in pdf:

Uscì di strada con il camion, risarcimento dal Comune

VARNA. Il Tribunale di Bolzano, seconda sezione civile, ha condannato il Comune di Varna a risarcire la ditta Pernthaler Hubert & Figli srl di Bressanone con la somma di 71.542,05 euro, ritenendolo responsabile dell’uscita di strada del camion condotto da Stefan Pernthaler, avvenuta il 12 giugno 2012.

Così ha stabilito il giudice Giulio Scaramuzzino accogliendo le istanze della ditta che si era affidata a Giesse Risarcimento Danni di Bolzano.

Intorno alle 17 del 12 giugno 2012 Stefan Pernthaler, 31 anni, residente a Bressanone, percorreva la via Vecchia a Scaleres di Varna a bordo dell’autocarro della Pernthaler Hubert & Figli di cui è socio.

“La via Vecchia – riferisce Giesse Risarciento Danni – è una strada comunale sterrata con un’unica corsia a doppio senso di marcia, è larga circa tre metri ed i suoi margini sono ricoperti da erba.

Ad un tratto, per evitare alcuni cespugli e sassi presenti sul lato destro della strada, l’autocarro si spostava leggermente a sinistra calpestando il margine erboso e in quel momento, sotto il peso del mezzo e bagnato da recenti piogge, il terreno franava facendolo precipitare nella scarpata sottostante. Fortunatamente il conducente se la cavava solo con qualche livido”.

“Quel giorno – prosegue Giesse – la strada era fangosa in seguito ad un forte temporale e non c’era un sistema di scolo delle acque, il tratto dell’incidente era delimitato a destra da un muro a secco e a sinistra da una labile staccionata in legno.

Lo stesso sindaco di Varna confermava che in quella circostanza la strada era aperta alla circolazione, che non c’erano segnali di pericolo e nel punto dell’incidente vi erano dei cespugli che sporgevano sul lato destro”.

La sentenza ha stabilito che il Comune di Varna, ente proprietario della strada, aveva “l’obbligo di adottare opportuni ed efficaci modelli organizzativi al fine di evitare l’insorgenza di fonti di pericolo ai danni degli utenti” e che “sarebbe stato obbligo del custode rimuovere quegli ostacoli la cui presenza in strada imponeva al conducente la manovra di allargamento in banchina”.

Leggi l’articolo sul sito www.altoadige.it

Hai subìto un incidente stradale e non sai come farti risarcire ?

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

© 2019 G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto (TV)
Camera di Commercio di Treviso N. REA 26958 - Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013

Powered by Studio Cappello | Strategie Di Web Marketing