Pagamento e durata Indennità Infortunio Sul Lavoro

Quali incidenti rientrano tra gli infortuni sul lavoro?

Per comprendere quali incidenti rientrano nella nozione di infortunio sul lavoro, quali in quella di infortunio in itinere e cosa fare in caso di infortunio sul lavoro, chiariamo alcune domande frequenti che spesso i nostri assistiti ci rivolgono:

  • Chi paga la inabilità temporanea da infortunio sul lavoro ?
  • Per quanto tempo si ha diritto all’indennità ?
  • Chi paga le spese mediche in caso di infortunio sul lavoro?

Chi paga la inabilità temporanea da infortunio sul lavoro

L’infortunio sul lavoro viene indennizzato sia dal datore di lavoro che dall’INAIL secondo i seguenti criteri:

  • Il giorno stesso dell’incidente viene inteso come giornata di lavoro a tutti gli effetti, e dunque retribuito al 100%, indipendentemente dall’orario in cui si è verificato l’infortunio
  • I primi 3 giorni di infortunio, chiamati periodo di carenza, sono a carico del datore di lavoro.

Successivamente, dal 4° giorno in poi, e per l’intero periodo di assenza del lavoratore, è l’INAIL a erogare la prestazione, secondo i seguenti parametri:

  • Dal 4° al 90° giorno di infortunio, con un’indennità pari al 60% della retribuzione giornaliera
  • Dal 91°giorno fino alla chiusura dell’infortunio, con un’indennità pari al 75% della retribuzione giornaliera

La retribuzione giornaliera viene calcolata sulla base della retribuzione dei 15 giorni precedenti l’infortunio.

Per quanto tempo si ha diritto all’indennità?

L’infortunio sul lavoro è indennizzabile dall’INAIL senza alcun limite di durata, ovvero l’INAIL paga l’indennità per tutto il periodo di assenza dal lavoro. Il lavoratore, tuttavia, deve prestare molta attenzione alle limitazioni circa il diritto alla conservazione del posto di lavoro, stabilite dai vari CCNL di riferimento che in genere sono di 180 giorni.

Infortunio sul lavoro INAIL: chi paga le spese per visite mediche?

L’INAIL paga o rimborsa tutte le spese mediche, gli esami diagnostici e le terapie riabilitative sostenute dal lavoratore durante un infortunio purché preventivamente prescritte o autorizzate dall’INAIL stesso.
Fino a quando viene versata l’indennità temporanea il lavoratore, inoltre, ha diritto all’esenzione dal ticket sanitario per qualsiasi accertamento, esame o analisi prescritti sia dall’INAIL che dal medico curante, purché relativi all’incidente subito.
Per i casi più gravi, nei quali al lavoratore vengano riconosciute l’inabilità permanente o il danno biologico, tale diritto viene esteso con apposita documentazione prodotta dall’INAIL per tutti gli accertamenti, esami o sintomatologie legate all’incidente subìto.

Infortunio sul lavoro-visita fiscale

Non essendo l’indennità INAIL per infortunio sul lavoro cumulabile con l’indennità di malattia Inps, il lavoratore che subisce un incidente sul lavoro non è soggetto al controllo mediante visite fiscali presso il proprio domicilio.

In 20 anni di attività Giesse ha risarcito con successo migliaia di casi di infortunio sul lavoro, anche gravissimi, tutelando i familiari che hanno perso un proprio congiunto.

Possiamo agire contro il responsabile civile (NON contro l’Inail, ma ad es. contro una compagnia assicurativa), per ottenere il giusto e integrale risarcimento di tutti i danni patiti che l’INAIL non risarcisce, come ad es. il danno morale, biologico o il danno patrimoniale differenziale.

Richiedi subito un parere: il nostro team di esperti risponderà gratuitamente nell’arco di poche ore.

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

© 2017 G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto (TV)
Camera di Commercio di Treviso N. REA 26958 - Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013

Powered by Studio Cappello | Strategie Di Web Marketing