Convegno: la nuova responsabilità sanitaria dopo il DDL Gelli

Convegno: la nuova responsabilità sanitaria dopo il DDL Gelli

Più di 250 tra avvocati, medici legali, periti, assicuratori e patrocinatori stragiudiziali si sono riuniti a Imola (BO) lo scorso 26 maggio per discutere della nuova responsabilità sanitaria dopo l’approvazione del DDL Gelli che ha recentemente ridisegnato i confini della responsabilità medica.

 

Il Convegno, dal titolo «La responsabilità sanitaria dopo l’approvazione del DDL Gelli e i nuovi criteri di risarcimento del danno», è stata una delle prime occasioni per radunare e mettere a confronto i massimi esperti del settore, approfondendo tutte le novità introdotte dalla nuova legge con il punto di vista di illustri relatori:

 

  • Dott. Giacomo Travaglino, Presidente di Sezione della III Sez. Civile della Corte di Cassazione
  • Dott. Marco Rossetti, Consigliere sempre della III Sez. Civile della Cassazione
  • Avv. Marco Bona del Foro di Torino
  • Avv. Alessandra Gracis del Foro di Treviso
  • Avv. Filippo Martini del foro di Milano
  • Avv. Marco Rodolfi del Foro di Milano
  • Dott. Bruno Marusso di Giesse
  • Prof. Avv. Giulio Ponzanelli, Foro di Milano, Ordinario di Istituzioni di diritto privato

 

Privilegiando, come di consueto, l’approccio pratico ai temi trattati, è stata verificata l’effettiva tutela risarcitoria italiana, con riguardo anche a recenti arresti giurisprudenziali (di legittimità e di merito) e valutando le criticità e opportunità contenute nelle proposte, effettuate dall’Osservatorio sulla Giustizia Civile del Tribunale di Milano, per nuove ed ulteriori tabelle relative al risarcimento di danni non patrimoniali (ad es. danno intermittente, danno terminale, ecc.).

 

A seguito della pronuncia delle SS.UU. susseguente all’ordinanza di rimessione n. 9978/16 sulla questione dei cd danni punitivi, si è discusso delle possibilità, nel nostro ordinamento, di riconoscere funzioni non meramente riparatorie al risarcimento dei danni.

 

Affrontato anche il tema dell’adeguatezza dei range tabellari adottati per la liquidazione dei danni non patrimoniali, valutandoli sia per i valori monetari da essi contemplati, sia per comprendere se vi possa ancora essere, in Italia, un ruolo per l’equità del giudice o se, per contro, si andrà incontro ad una sempre maggiore applicazione ragionieristica delle tabelle, vecchie e nuove, in nome dei totem della prevedibilità delle decisioni e della uniformità delle liquidazioni.

 

In tema di lesione di lieve entità sono state analizzate le prime sentenze di merito conseguenti alla sentenza della Corte di Cassazione sez. civ. III n. 18773/’16, che paiono confermare quanto statuito dai giudici del Palazzaccio e, quindi, aver restituito alla semeiotica medico legale il valore scientifico che aveva sempre avuto e che (solo) l’interpretazione interessata (dei soliti noti) dei commi 3-ter e 3-quater dell’art. 32 della L. n. 27/’12 aveva ridotto a mera attività di verifica della presenza di esami strumentali, quasi annullando gli altri criteri medico legali di accertamento delle menomazioni.

 

Infine, si è discusso sul nesso di causa e sui relativi oneri probatori in ambito civilistico, in particolar modo nei casi di errori medici e di perdita di chance. Il confronto, come sempre, è stato stimolante e costruttivo e, nella diversità delle opinioni espresse, ha contribuito ad aumentare l’attenzione e la sensibilità verso i temi, delicati, della tutela risarcitoria dei soggetti danneggiati.

 

Chi volesse, gratuitamente, la trascrizione completa degli atti del Seminario, può contattare la segreteria organizzativa allo 0437 215 711, o inviare una e-mail all’indirizzo: convegni@giesse.info

Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

© 2017 G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto (TV)
Camera di Commercio di Treviso N. REA 26958 - Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013

Powered by Studio Cappello | Strategie Di Web Marketing