DENUNCIA IL TUO CASO

Bisogno di aiuto? Segnalaci il tuo caso e ricevi informazioni

Blog

Fondo di garanzia per le vittime della strada: le 5 cose da sapere

Fondo di garanzia per le vittime della strada: le 5 cose da sapere

Lo sapevi che in caso di incidente con un veicolo non assicurato, non identificato o assicurato con impresa di assicurazione…
Vedi dettagli
Incidenti stradali con animali

Incidenti stradali con animali

Vi è mai capitato che un animale vi attraversasse improvvisamente la strada mentre eravate alla guida della vostra auto? Se…
Vedi dettagli
Omicidio stradale: cosa prevede la legge

Omicidio stradale: cosa prevede la legge

L’omicidio stradale è un nuovo reato grave previsto dal diritto penale italiano. Con la legge n. 41 del 23 marzo…
Vedi dettagli
Omicidio stradale: quali sono le variabili di questo reato?

Omicidio stradale: quali sono le variabili di questo reato?

Il reato di omicidio stradale previsto dall’art. 589-bis cod. pen., punisce chiunque per colpa provochi la morte di una o più…
Vedi dettagli
Le 5 cose che i pedoni dovrebbero sapere

Le 5 cose che i pedoni dovrebbero sapere

In caso di incidente stradale è opinione diffusa pensare che il pedone abbia sempre ragione, forse anche perché il nostro…
Vedi dettagli
Le 5 cose da sapere sull’infortunio in itinere

Le 5 cose da sapere sull’infortunio in itinere

L’infortunio in itinere è un tipo di danno che possono subire i lavoratori durante i loro spostamenti. Tuttavia la questione…
Vedi dettagli
Rivalsa del datore di lavoro: sei sicuro di sapere di cosa si tratta?

Rivalsa del datore di lavoro: sei sicuro di sapere di cosa si tratta?

Le statistiche parlano chiaro: due datori di lavoro su tre non sono informati della possibilità di esercitare il diritto di…
Vedi dettagli
Giesse ti garantisce:
compenso

COMPENSO SOLO A RISARCIMENTO OTTENUTO

consulenza gratuita

CONSULENZA GRATUITA CON ESPERIENZA VENTENNALE

anticipo zero

NESSUN ANTICIPO
DI SPESA

sedi

PIU’ DI 40 SEDI IN TUTTA ITALIA

esperti

ESPERTI E TECNICI IN OGNI DISCIPLINA

© 2018 G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto (TV)
Camera di Commercio di Treviso N. REA 26958 - Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013

Powered by Studio Cappello | Strategie Di Web Marketing
Kevin Rebello Naufragio COSTA: famiglie Rebello e Soria Molina
Ait Fatel Mohamed, salto corsia Cessalto. “Sono stato contattato da molte aziende di infortunistica stradale quando si è saputo della morte di mio fratello. Ma bisogna appoggiarsi ad una struttura con molta esperienza alle spalle per conoscere tutti gli aspetti legislativi in Italia in caso di incidenti così gravi. Per questo ho deciso di affidarmi a Giesse.” Ait Fatel Mohamed – Salto di corsia sulla A4: muore il fratello

Video: Naufragio COSTA: famiglie Rebello e Soria Molina

Naufragio COSTA: famiglie Rebello e Soria Molina
Maria Grazia Dal Follo Disastro aereo Air France: Maria Grazia Dal Follo
La tragedia dell'Air France Rio - Parigi raccontata dalle parole di Maria Grazia Dal Follo, vedova di uno dei passeggeri, Giambattista Lenzi

Video: Disastro aereo Air France: Maria Grazia Dal Follo

Disastro aereo Air France: Maria Grazia Dal Follo
Ait Fatel Mohamed Incidente autostrada A4 Ait Fatel Mohamed
Ait Fatel Mohamed, salto corsia Cessalto “Sono stato contattato da molte aziende di infortunistica stradale quando si è saputo della morte di mio fratello. Ma bisogna appoggiarsi ad una struttura con molta esperienza alle spalle per conoscere tutti gli aspetti legislativi in Italia in caso di incidenti così gravi. Per questo ho deciso di affidarmi a Giesse.” Ait Fatel Mohamed – Salto di corsia sulla A4: muore il fratello

Video: Incidente autostrada A4 Ait Fatel Mohamed

Ait Fatel Mohamed, salto corsia Cessalto. “Sono stato contattato da molte aziende di infortunistica stradale quando si è saputo della morte di mio fratello. Ma bisogna appoggiarsi ad una struttura con molta esperienza alle spalle per conoscere tutti gli aspetti legislativi in Italia in caso di incidenti così gravi. Per questo ho deciso di affidarmi a Giesse.” Ait Fatel Mohamed – Salto di corsia sulla A4: muore il fratello
Cosima Carrieri Ricoverato per incidente, muore per infezione ospedaliera
Infezione ospedaliera: muore dopo 8 giorni di agonia Cosima Carrieri è la mamma di Enrico Durantini, un giovane appassionato di motori che proprio in seguito a un grave incidente in moto entra in coma e viene ricoverato in ospedale. Le sue condizioni, dapprima stabili, subiscono un repentino aggravamento a causa di un’infezione ospedaliera, fino alla morte. Ecco il racconto di come Giesse Gestione Sinistri ha aiutato la famiglia a ottenere il dovuto risarcimento danni per la tragica perdita del proprio congiunto. Mi chiamo Carrieri Cosima, sono nata a Oria (provincia di Brindisi), dove tuttora vivo. Era l’unico figlio, Durantini Enrico. Faceva il meccanico, era appassionato… Stava nel suo mestiere. Desiderava tanto una moto sua, anche se noi non eravamo tanto d’accordo che la prendesse. Alla fine ha vinto il suo desiderio. Una domenica di febbraio… Stava in coma e poi uscito dal coma e poi è andato il professore del Maxillo facciale. Gli erano saltati quattro denti e si era spaccato un po’ la lingua, comunque l’operazione era riuscita bene. Poi dopo un paio di giorni incominciò questa febbre forte e io mi chiedevo, anche al professore e ad altri come mai questa febbre… E loro mi dissero, ma signora, è un buon segno, il corpo sta reagendo, tutto sta andando bene. Intanto i professori scendevano da tutti i reparti lo visitavano tutti, dai cardiologi alla medicina generale, tutti venivano lì… Tutto bene, tutto bene, tutto bene… Questa febbre però non passava mai. Cambiarono degli antibiotici e lui era allergico a determinati farmaci. Io l’unico mio desiderio era sapere come era morto mio figlio perché io stavo insieme a lui, non l’ho lasciato un momento. E sempre abbiamo lottato per sapere come era morto. Così ci siamo affidati a un avvocato per il risarcimento dei danni, ma già da noi stessi non ci stava piacendo il suo modo di fare in tante cose. Lo sentivi il martedì e ti diceva, ah, venite venerdì e vi farò sapere qualcosa… Andavi il venerdì: ehh, domani è sabato, dove vado… E allora martedì prossimo. Tu già non stavi bene con tutto quello che ti era successo, poi vedevi questa persona qua sembrava quasi che ti prendesse in giro e allora abbiamo deciso…Un signore venne a farci visita, ci disse, non per sapere i fatti vostri ma la il procedimento per il risarcimento dei danni subiti per la morte del ragazzo (per l’infezione ospedaliera, malasanità) come si sta svolgendo ? Veramente ancora non sappiamo niente! E ci indicò una persona che fa il suo lavoro, e lo sa fare bene. Il signore che faceva parte di questa società, Giesse Gestione Sinistri. Abbiamo dato fiducia in tutto: ci siamo fidati di lui in tutto, tutto ciò che succedeva, qualsiasi carta gli arrivava… Povero Giuseppe, alla fine quando vedeva il mio numero sul cellulare… In tutto ciò che c’era da seguire per il risarcimento danni (per l’infezione ospedaliera, malasanità), ci siamo fidati di lui, in tutto. Magari non all’ora che mi aveva detto però fino alla sera io stavo ad aspettarlo perché sapevo che se diceva che veniva, veniva ! Ci è stato molto molto vicino, in tutto. Anche se qualche volta non si parlava del caso nostro però molte volte lo vedevi che arrivava, mi faceva piacere perché parlavamo e lui capiva, sta nell’ambito delle… Di questi casi, e sa come saper parlare con le persone che magari ci si trovano in queste situazioni.

Video: Ricoverato per incidente, muore per infezione ospedaliera

Infezione ospedaliera: muore dopo 8 giorni di agonia Cosima Carrieri è la mamma di Enrico Durantini, un giovane appassionato di motori che proprio in seguito a un grave incidente in moto entra in coma e viene ricoverato in ospedale. Le sue condizioni, dapprima stabili, subiscono un repentino aggravamento a causa di un’infezione ospedaliera, fino alla morte.
Antonio Mele papà muore in moto, risarcito il figlio
Antonio Mele racconta il dramma della perdita di suo papà Elio, investito da un furgone mentre era fermo a bordo strada in sella a un motorino. Affidandosi a Giesse, ha ottenuto il giusto risarcimento

Video: papà muore in moto, risarcito il figlio

Antonio Mele racconta il dramma della perdita di suo papà Elio, investito da un furgone mentre era fermo a bordo strada in sella a un motorino. Affidandosi a Giesse, ha ottenuto il giusto risarcimento
Mariateresa Carboni Chieti: travolto e ucciso in moto, risarciti i familiari
Incidente mortale in moto: il risarcimento danni con Giesse. Il racconto del peggior dramma che una madre possa subire: perdere un figlio (travolto e ucciso da un automobilista ubriaco, positivo ai cannabinoidi e ben oltre i limiti di velocità…). Mariateresa Carboni racconta perché si è affidata a Giesse Gestione Sinistri per il risarcimento danni e come ha poi ottenuto il giusto risarcimento per l’incidente mortale di suo figlio Francesco Pesce. «Sono Carboni Mariateresa, vengo da Chieti Scalo. Il 27 maggio del 2012 alle cinque meno un quarto di mattina, mio figlio è stato investito in pieno. Francesco, da una macchina con a bordo una persona drogata e ubriaca. Aveva bevuto e il tasso polemico era… Alto. Anche il tasso delle sostanze stupefacenti era evidente. Mio figlio era su una moto, su una Vespa. Ritornava a casa dopo aver festeggiato, come tutti i ragazzi. Questa persona non era lucida e ha invaso la corsia opposta. L’ha preso in pieno ma poi non è stato neanche arrestato. E’ un bollettino di guerra che non è poi più il sabato sera, o la domenica mattina… E’ una questione di tutti i giorni. Può succedere a tutti di sbagliare, di avere un problema, ma mettersi anche in discussione, cioè avere la consapevolezza di dire: ho sbagliato ! Ma questo non c’è, perché poi diventiamo troppo garantisti, troppo di diritto… Io ho lavorato vent’anni nella polizia penitenziaria, si spera sempre che questa sensazione di pentimento… Comunque di capire se non avessi fatto questo… Ma pensarci, pensarci! Nell’immediatezza mi sono sentita proprio protetta, sono stata aiutata da una persona che mio figlio considerava un secondo papà, Tonino. Un po’ con le dovute maniere, logico, mi ha detto: guarda Marilolina che c’è una persona che ti può aiutare perché si devono… Comunque certi meccanismi partono subito (il risarcimento danni per l’incidente mortale)… E tramite questa persona mi sono trovata in Giesse Gestione Sinistri. Gianni si è presentato, mi ha detto che faceva parte della Giesse Gestione Sinistri, che certe cose devono essere fatte subito (avviare l’intervento per ottenere il giusto risarcimento danni da parte della Compagnia assicurativa)… E lì ho conosciuto una persona eccezionale, con un gruppo eccezionale perché sentirsi così protetta. Mi ha coccolato, mi ha spiegato quello che stava succedendo. Una persona disponibilissima, che potevo chiamare in qualsiasi momento della giornata o della notte, anche se di notte, a dire il vero, non l’ho mai fatto.. Che mi chiariva ogni dubbio, che mi consigliava, assolutamente, una cosa che io reputo fondamentale. E ha cominciato anche a parlare di soldi (il risarcimento danni per l’incidente mortale), cosa che la prima volta che mi è stato proposto… E’ stato catastrofico ! Gianni, lasciatemelo dire, è stato così cauto, così delicato e così fermo nello stesso tempo che m’ha fatto accettare anche quello. Questo gruppo (Giesse Gestione Sinistri) secondo me è fatto anche da psicologi, io non so… Le prendete proprio per mano le persone! Certamente averlo vicino in una situazione così pensante e sapere che ci puoi contare, ci puoi contare in tutti i sensi, ma anche solamente per piangere casomai mi lasciassi andare, perché non riesco neanche a… A fare quello… E’ un amico ! Non mi aspettavo una risoluzione (il risarcimento danni), specialmente nella parte burocratica, di così poco tempo… (Sono rimasta) Piacevolmente sorpresa, poi alla fine è normale che ti vengono queste parole: un anno di tempo per chiudere questa parte qui quando si sa, si sente in giro che ci sono strascichi… Io non ne uscirò mai da questa situazione, non… Non credo… Sicuro. L’unica cosa che mi rimane di fare è che comunque questa risoluzione (il risarcimento danni) possa adempiere tutti i desideri che erano di Francesco e io, da quel lato, da quella parte vado! Mio figlio amava la vita in una maniera travolgente… Era un vulcano, non gli bastavano 24 ore e a 24 anni è tutto normale, tutto dev’essere così. Però allo stesso tempo stava nelle regole: non fumava, non beveva… Non era un santo, questo diciamolo subito: aveva i suoi difetti e i suoi pregi… Beh, io vorrei che si capisse questo. E che i ragazzi a 24 anni continuassero a vivere la loro vita, però sapendo che prima di tutto bisogna rispettare se stessi e dopo di conseguenza viene il rispetto per gli altri. E tu non ti vuoi mettere in macchina in quelle condizioni per far del male agli altri !»

Video: Chieti: travolto e ucciso in moto, risarciti i familiari

Il racconto del peggior dramma che una madre possa subire: perdere un figlio travolto e ucciso da un automobilista ubriaco, positivo ai cannabinoidi e ben oltre i limiti di velocità... Mariateresa Carboni spiega come ha saputo comunque rialzarsi dopo questa immane tragedia familiare.
Filomena Tocci, Cosimo Chiloiro San Marzano (TA): risarcito il fratello passeggero terzo trasportato
Terzo trasportato in incidente stradale: come farsi risarcire. Filomena Tocci e Cosimo Chiloiro raccontano la tragica perdita del loro fratello e cognato, Giovanni Tocci, morto a soli 24 anni l’8 settembre 2012 in un incidente stradale tra San Marzano e Grottaglie, in provincia di Taranto. Il giovane era passeggero terzo trasportato a bordo di una piccola vettura guidata da un amico. Grazie a Giesse Gestione Sinistri i familiari hanno ottenuto il giusto risarcimento. Riportiamo qui sotto la trascrizione audio del video: «Tocci Filomena, vengo da San Marzano. Chiloiro Cosimo, sempre da San Marzano, provincia di Taranto. Mio fratello è venuto a mancare un anno fa in seguito a un incidente stradale successo sulla strada tra Grottaglie e San Marzano. Era un passeggero terzo trasportato ed erano a bordo di una macchina piccola con un suo amico che era l’autista. I due ragazzi sono usciti fuori strada. Sono intervenuti la polizia stradale, poi anche l’ambulanza. Noi abbiamo sentito molto dopo, tramite anche conoscenze, dell’incidente. Non lo hanno portato proprio all’ospedale: dal luogo dell’incidente è andato direttamente in cimitero sito a Grottaglie. Poi noi da lì lo abbiamo asportato direttamente da noi, a San Marzano. Quella sera stavamo festeggiando il compleanno del padre quando ci arriva la telefonata che… Mio cognato… Aveva fatto un incidente grave. Sono andato sul posto per verificare io, con mio padre e un amico di famiglia di mia suocera: siamo andati a vedere ed era proprio lui che era uscito fuori strada con questa Smart. In pratica dopo l’accaduto, dopo un giorno dal funerale di mio cognato, un amico mi ha consigliato dandomi i numeri dei responsabili della Giesse Gestione Sinistri di contattarli per vedere un po’ la situazione. E’ venuto Giuseppe Vacca, si siamo messi d’accordo e mi ha spiegato un po’ la dinamica di come funzionava (il risarcimento danni per il terzo trasportato), perché era la prima volta per noi, non avevamo esperienza in questo caso… Gli abbiamo dato piena fiducia. Personalmente mi sono trovata bene perché comunque nel momento in cui c’erano delle domande da fare, le ho poste senza farmi problemi e comunque ho trovato disponibilità sempre, anche nel chiamare. Mi hanno saputo consigliere bene e ho potuto anche esporre le mie perplessità nel momento in cui potevo farlo. Tutto positivo, molto positivo, anzi qualche volta ho detto anche a mia moglie: meno male che si sono queste società come Giesse Gestione Sinistri per il risarcimento danni, che ci danno una mano a levarci da questi impicci! Perché sono cose che se non le sai affrontare dall’inizio bene… Finisci in cattive situazioni. Quando è successo quest’evento tutti quanti si sono avvicinati: amici, amici degli amici. Tutti quanti ci consigliavano degli avvocati… Perché per loro è sempre una fonte di guadagno: mica pensano al dolore di uno che sta affrontando quel momento… Dovevo avere anche un incontro con un avvocato (per il risarcimento danni da terzo trasportato), e poi una vocina m’han detto di… Che forse facevo la strada buona da questa parte e non da quella parte… Mi sono sentita seguita bene, ecco!»

Video: San Marzano (TA): risarcito il fratello passeggero terzo trasportato

Filomena Tocci e Cosimo Chiloiro raccontano la tragica perdita del loro fratello e cognato, Giovanni Tocci, morto a soli 24 anni l'8 settembre 2012 in un incidente tra San Marzano e Grottaglie, in provincia di Taranto. Il giovane era terzo trasportato a bordo di una piccola vettura guidata da un amico. Grazie a Giesse i familiari sono stati risarciti.
Bogdan Pasca Nutu Si salva dopo 1 mese di coma: volevano risarcirgli 20mila euro
Bogdan Pasca Nutu è rimasto coinvolto in un terribile indicente contro un camion in autostrada. Dopo 1 mese di coma e altri 4 mesi di ricovero in ospedale, stava per essere risarcito con appena 20mila euro. Grazie a Giesse ha ottenuto molto di più, anche per i suoi familiari.

Video: Si salva dopo 1 mese di coma: volevano risarcirgli 20mila euro

Bogdan Pasca Nutu è rimasto coinvolto in un terribile indicente contro un camion in autostrada. Dopo 1 mese di coma e altri 4 mesi di ricovero in ospedale, stava per essere risarcito con appena 20mila euro. Grazie a Giesse ha ottenuto molto di più, anche per i suoi familiari.
Vincenzo Vernisi Pescara, scontro tra moto: odissea per il risarcimento
Il racconto di Vincenzo Vernisi, di Silvi Marina, in provincia di Teramo. «Stavo facendo un giro in moto quando un'altra moto in contromano mi ha centrato frontalmente. Da quel giorno è cominciato un incubo, ho rischiato la vita e persino la beffa di non venire risarcito per i danni

Video: Pescara, scontro tra moto: odissea per il risarcimento

Il racconto di Vincenzo Vernisi, di Silvi Marina, in provincia di Teramo. «Stavo facendo un giro in moto quando un'altra moto in contromano mi ha centrato frontalmente. Da quel giorno è cominciato un incubo, ho rischiato la vita e persino la beffa di non venire risarcito per i danni
Carmela Pinto Crispiano (TA) schianto in auto: muore a 27 anni
Carmela Pinto racconta la tragica circostanza in cui ha perso suo figlio, Raffaele Nisi, morto a soli 27 anni in un incidente stradale a Crispiano, in provincia di Taranto. Dagli attimi di terrore vissuti nel momento in cui le è stata comunicata la notizia dalla polizia, all'aiuto da parte di Giesse Gestione Sinistri per ottenere il risarcimento che l'assicurazione non voleva neppure riconoscerle.

Video: Crispiano (TA) schianto in auto: muore a 27 anni

Carmela Pinto racconta la tragica circostanza in cui ha perso suo figlio, Raffaele Nisi, morto a soli 27 anni in un incidente stradale a Crispiano, in provincia di Taranto. Dagli attimi di terrore vissuti nel momento in cui le è stata comunicata la notizia dalla polizia, all'aiuto da parte di Giesse Gestione Sinistri per ottenere il risarcimento che l'assicurazione non voleva neppure riconoscerle.
Pasquale Tagliafierro Lecce: padre investito, equo risarcimento solo con Giesse
Lecce: padre investito, equo risarcimento solo con Giesse

Video: Lecce: padre investito, equo risarcimento solo con Giesse

Lecce: padre investito, equo risarcimento solo con Giesse
Sigfrid Tejada Roma, investiti mentre aspettano il bus
Travolti e uccisi alla fermata del bus: risarciti grazie a Giesse Gestione Sinistri Sigfrid Tejada racconta l’incredibile incidente in cui ha visto morire sua madre, travolta da un’auto mentre aspettava il bus per andare al lavoro, sulla Cassia, a Roma. L’intera famiglia è stata risarcita grazie all’intervento di Giesse Gestione Sinistri. «Sono Sidgref Tejada, da roma, però nato in Filippine. Stavamo aspettando l’autobus alla fermata per andare a lavoro, c’era con me anche mia mamma e una sua amica. Eravamo li, fermi ad aspettare alla fermata dell’autobus poi all’improvviso spunta una macchina che sorpassa un’altra macchina che si stava fermando. C’è stato un tamponamento e una delle due auto di è rovesciata addosso a noi. Mia mamma è morta subito, l’amica la sera stessa in ospedale. Siamo in quattro in famiglia, tre maschi e una femmina, due fratelli vivono nelle Filippine. Io lavoro in un albergo. Il prete della sorella della mia nonna materna gli da un biglietto di un avvocato, per il risarcimento danni, al quale ci siamo affidati. L’incidente è avvenuto nel luglio del 2009, ma a ottobre non avevamo ancora avuto alcuna risposta, perché non chiamava… Così a ottobre abbiamo cambiato l’avvocato e ci siamo affidati a Giesse Gestione Sinistri, e a gennaio (tre soli mesi più tardi) avevamo già quasi finito la procedura di risarcimento danni per incidente stradale. Grazie a Paolo e alla signora Dal Fabbro di Giesse Gestione Sinistri, che hanno svolto tutto bene. Mi hanno sempre aggiornato, siamo rimasti contenti, tutti noi, anche per la disponibilità… Perché io sono impegnato con il lavoro, anche mia zia… Eppure a ogni sviluppo riguardante il risarcimento danni siamo stati sempre aggiornati. Stiamo rimasti tutti contenti».

Video: Roma, investiti mentre aspettano il bus

Sigfrid Tejada racconta l'incredibile incidente in cui ha visto morire sua madre, travolta da un'auto dopo una folle carambola sulla Cassia, a Roma, mentre aspettava il bus per andare a lavorare. L'intera famiglia è stata risarcita grazie all'intervento di Giesse Gestione Sinistri.
Paolo Cia Paolo Cia, campione di tennis in carrozzina
Paolo Cia racconta la sua storia e come è arrivato a Giesse Gestione Sinistri per ottenere il suo risarcimento danni

Video: Paolo Cia, campione di tennis in carrozzina

Paolo Cia racconta la sua storia e come è arrivato a Giesse Gestione Sinistri per ottenere il suo risarcimento danni
Marco Collinetti Marco Collinetti, velista paralimpico
Un'altra testimonianza di successo sul risarcimento danni: è l'esperienza di Marco Collinetti, che si è affidato a Giesse Gestione Sinistri per ottenere giustizia

Video: Marco Collinetti, velista paralimpico

Un'altra testimonianza di successo sul risarcimento danni: è l'esperienza di Marco Collinetti, che si è affidato a Giesse Gestione Sinistri per ottenere giustizia