< Torna alla Rassegna Stampa

Venezia risarcimento pedone investito

Apri l’articolo in pdf

Portogruaro-pedone-investito-auto-incidente-mortale-risarcimento-danni

 

Portogruaro: risarcimento pedone investito

L’8 settembre 2016 il quotidiano Il Gazzettino di Venezia pubblica un articolo sulla morte di Linda Anese, travolta e uccisa in sedia a rotelle da un automobilista.
I familiari si sono affidati alla sede Giesse di Portogruaro per ottenere il risarcimento incidente mortale.

 

Articolo Gazzettino di Venezia
 

«La donna invalida poteva circolare sulla tangenziale»
 
L’agenzia Giesse: «Era sulla banchina, e il Codice della strada lo consente»

 
 
PORTOGRUARO – Dibattito sempre più acceso sull’incidente che è costato la vita a Linda Anese, 84 anni, di Portogruaro, falciata in carrozzina da un’auto in tangenziale, lunedì scorso. Sull’argomento è intervenuta la “Giesse” che si occupa di risarcimento danni per conto della famiglia Anese: «Il codice della strada parla chiaro – annotano Bruno Marusso e Ketty Tesolin, responsabili della “Giesse” di Portogruaro – anche se può apparire insolito, la signora Anese aveva tutto il diritto di circolare sulla banchina della statale.
 
La carrozzella uso invalidi non rientra nella classificazione dei veicoli ma è equiparata in tutto e per tutto a un qualsiasi pedone e può pertanto circolare sulle parti della strada ad essi riservate, in questo caso le banchine. Le uniche strade in cui non è ammesso l’accesso ai pedoni sono autostrade e strade extraurbane principali, dove infatti viene collocata la segnaletica di divieto. La variante alla statale 14 è invece una strada extraurbana secondaria, dove i pedoni e quindi anche le persone in carrozzina possono circolare sulle bande laterali, nello stesso senso di marcia dei veicoli».
 
«Solamente nel caso in cui non ci fosse stata una banchina – proseguono Marusso e Tesolin – la signora Linda, non potendo impegnare la carreggiata, avrebbe dovuto muoversi sulla corsia opposta; ma la banchina c’è, e l’invalida la stava usando, correttamente. Abbiamo già provveduto a incaricare un nostro legale di seguire le indagini disposte dalla Procura; nel contempo abbiamo incaricato un esperto in ricostruzioni cinematiche per studiare ogni aspetto del sinistro». Il 46enne di San Michele che ha investito l’anziana è stato intanto indagato per omicidio stradale.
 

G.S.-GESTIONE SINISTRI s.r.l. - Sede legale: Via Vital, 96 - 31015 Conegliano Veneto(TV) - Iscritta alla Camera di Commercio di Treviso
N. REA 26958 -Capitale Sociale € 60.000 i.v. - P.Iva 03400230268 Libera professione svolta ai sensi della Legge 4/2013