Fondo Garanzia per le Vittime della Strada

Il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada è un organismo costituito a tutela di tutti i danneggiati che rimangano coinvolti in incidenti stradali “particolari”, come quelli causati, ad esempio, da pirati della strada, da veicoli non coperti da assicurazione o assicurati con una Compagnia assicurativa fallita o in fallimento.

Il Fondo di Garanzia si autofinanzia grazie al contributo di tutti gli automobilisti che sottoscrivono una polizza Rc auto (responsabilità civile verso terzi): infatti una piccola quota del premio assicurativo pagato da ciascun automobilista o motociclista per la propria polizza Rca viene destinata a favore del Fondo di Garanzia per le vittime della strada.

Risarcimento vittime della strada

Il fondo di garanzia vittime della strada copre gli incidenti causati da veicoli:

  • non identificati (es. incidente causato dai cosiddetti pirati della strada)
  • non assicurati, ovvero tutti quei veicoli che – contro la legge – circolano senza alcuna copertura assicurativa.
  • circolanti contro la volontà del proprietario o a sua insaputa (es. il caso di un ladro che ruba un’auto causando poi un’incidente).
  • coperti da una Compagnia assicurativa in fase di fallimento o liquidazione;
  • veicoli esteri la cui targa non sia più valida.

Quanto puo’ risarcire il Fondo vittime strada

Il Fondo Vittime della Strada è obbligato a risarcire i danni di propria competenza solo fino al limite del massimale minimo di legge che, a partire dal 2012, è pari a € 5 milioni per danni alle persone e a € 1 milione per danni alle cose (massimali notevolmente superiori rispetto a quelli in vigore in Italia solo fino a qualche anno fa, che era pari a 775mila euro).

Se ci sono più persone coinvolte in un incidente, il massimale è da intendersi per sinistro, non per ogni singola persona.

Chi risarcisce

Ciascun risarcimento del Fondo di Garanzia Vittime della Strada viene liquidato per il tramite degli uffici liquidativi di alcune compagnie assicurative che, a seconda della regione, vengono designate dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada come intermediari.

Ecco l’elenco delle compagnie designate in Italia, regione per regione, con cui Giesse tratta ogni risarcimento vittime della strada:

Allianz Lazio, Lombardia, Marche, Puglia
Cattolica Basilicata, Veneto
Generali Campania, Friuli-Venezia Giulia
Sara Calabria, Umbria
Reale Mutua Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Sardegna
UnipolSai Abruzzo, Emilia Romagna, Molise, Repubblica di San Marino, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige

Rivalsa sul risarcimento

Una volta liquidato il risarcimento, la Compagnia designata dal Fondo Vittime della Strada può esercitare azione di rivalsa qualora riesca a identificare il responsabile del sinistro, chiedendo la restituzione della somma pagata al danneggiato a titolo di risarcimento.

Giesse: perché conviene

In 20 anni di esperienza Giesse ha risarcito con successo centinaia di casi di indicenti stradali con fuga di pirata della strada o con veicoli coinvolti senza assicurazione, anche di esito gravissimo o mortale.

Ottenere il giusto risarcimento per questa tipologia di incidenti è possibile e Giesse, per tutelare una volta di più tutti i propri assistiti,sceglie in questi casi di assumersi anche il rischio economico per eventuali vertenze legali da intraprendere: qualsiasi danneggiato in cerca di giustizia non dovrà così sostenere alcun tipo di rischio economico.

Una volta ottenuto il risarcimento, il compenso richiesto sarà una percentuale del risarcimento stesso, secondo accordi chiari e sottoscritti sin dal conferimento del mandato. Ottenere il massimo risarcimento possibile sarà così obiettivo condiviso tanto per Giesse, quanto per tutti i propri assistiti.

Chiedi subito una consulenza gratuita al nostro Team di esperti, segnalaci il tuo caso

Allianz

Lombardia, Marche, Lazio, Puglia

Cattolica

Basilica, Veneto

Generali

Campania, Friuli-Venezia Giulia

Sara Assicurazioni

Calabria, Umbria

Reale Mutua Assicurazioni

Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Sardegna

UnipolSai

Abruzzo, Emilia Romagna, Molise, Repubblica di San Marino, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige